Non industrial design

Non industrial design

Flaviano Celaschi

Contributi al discorso progettuale

un libro di 112 pagine
ISBN 978-88-97356-36-3
Prezzo € 14,00

Non industrial design

Il discorso progettuale è un dialogo continuo che accoglie studiosi delle culture del progetto, progettisti, decisori pubblici e privati, studenti e cittadini, interessati al ruolo e agli strumenti che il design riveste nella società contemporanea. Un ruolo che si è molto accresciuto: in profondità come in estensione. Oggi in tantissime occasioni si parla di design non più come se fosse solo lo stile di un arredamento o di un’automobile, ma come processo. Ed è appunto di come il design sia diventato un processo e di quali potenzialità ancora relativamente poco sfruttate si possano ottenere da una sua divulgazione allargata, che parla questo libro.

Una pratica tutto sommato semplice e circoscritta come il disegno industriale, che alle merci e ai servizi prodotti dalle macchine cercava di dare forma e funzione, è diventata un insieme di processi e di strumentazioni concettuali e operative che si intreccia con molte altre discipline e che permette all’innovazione di incedere e alle visioni di futuro di materializzarsi nell’indispensabile condivisione generale del cambiamento sociale, culturale ed economico.

Il testo è articolato in tre “lezioni” che cercano di mettere al centro del discorso tre questioni contemporanee: la scoperta della centralità del corpo nel desiderio intenzionale dell’uomo di ogni tempo di modificare la realtà partendo dal sé (inteso come unicum tra corpo e mente); la necessità di apprendere l’arte di maneggiare i futuri e attraverso le pratiche dell’anticipazione progettare i percorsi per costruire futuri desiderabili; il mistero della creatività e le riflessioni sull’arte di insegnarla e la sensibilità per apprenderla. In questo saggio il discorso progettuale diventa per tanti affinché gli effetti delle culture progettuali possano diventare per tutti.

Acquista su

logo_ibs