Il contromago di Oz. Chi scrive Matteo Renzi?

Mente

Collane

Dalla stessa collana

Il contromago di Oz. Chi scrive Matteo Renzi?

Paolo Taggi

Un libro di 144 pagine
ISBN 978-88-97356-18-6
Prezzo € 9,00

Il contromago di Oz

Il Contromago di Oz

• ha celebrato il trionfo dell’ossimoro, utilizzando tutte le sue facce: ingannare l’avversario era una dote della politica contro la quale ha costruito il suo avvento;

• ha trovato grazie a un casting attento tra i riservisti una figura che non suscitasse riserve. Uno che ama i semitoni e in un gioco di ombre cinesi ingigantisca la sua;

• ha scelto, come in un racconto di Philip Dick, da unico elettore un nome ritrovato nel Museo dell’Innocenza e poi lo ha condiviso;

• ha rivelato solo all’ultimo istante i suoi veri alleati, come in un gioco di società degli anni ’70, che non a caso si chiamava Medici. Il contromago sta sempre solo dalla sua parte, che non è mai la stessa;

• ha applicato da uomo di marketing la teoria dei risvegli: ha puntato sul vintage, su uno che veniva dall’altro ieri della politica, come i baci Perugina, la 500, la Polaroid, la spuma e le pellicole Ferrania;

• ha utilizzato ogni mezzo per giustificare il suo fine: consacrarsi leader maximo, attraverso l’elezione di un altro;

• ha tradito come un Pinocchio irriconoscente il Geppetto che l’ha creato, in nome di una tecnica più volte applicata: umiliare il nemico giusto suscita ammirazione, tanto più se il metodo è spietato.

Togliere il tappo che nasconde l’inesistente verità potrebbe sbriciolare l’incanto. Al principio di illusione non c’è alternativa. Se viene meno, non resta che imporla con un decreto legge.