Frasca, Gabriele

Gabriele Frasca

Biografia

Nato a Napoli nel 1957.
Ha pubblicato le raccolte di versi Rame (Corpo 10, 1984; II edizione ampliata Zona, 1999), Lime (Einaudi, 1995), Rive (Einaudi, 2001), Prime (Luca Sossella editore, 2007, con il quale ha vinto il Premio Napoli nel 2008) e Rimi (Einaudi, 2013); i romanzi Il fermo volere (Corpo 10, 1987; II stesura, d’if, 2004) e Santa Mira (Cronopio, 2001; II stesura Le Lettere, 2006); la raccolta di testi teatrali Tele. Cinque tragediole seguite da due radiocomiche (Cronopio, 1998); i saggi Cascando. Tre studi su Samuel Beckett (Liguori, 1988), La furia della sintassi. La sestina in Italia (Bibliopolis, 1992), La scimmia di Dio. L’emozione della guerra mediale (Costa & Nolan, 1996), La lettera che muore. La “letteratura” nel reticolo mediale (Meltemi, 2005) e L’oscuro scrutare di Philip K. Dick (Meltemi, 2007).
Con il gruppo musicale “i ResiDante” ha inciso per la nostra casa editrice l’opera fonografica Il fronte interno (2003).
Ha tradotto e curato opere di Philip K. Dick (Un oscuro scrutare, Cronopio, 1993; II edizione Fanucci, 1998) e, per Einaudi, di Samuel Beckett (Watt, 1998; Le poesie, 1999; Murphy, 2003; In nessun modo ancora, 2008).
Dal febbraio del 2008 al marzo del 2010 ha pubblicato a fascicoli, solo per i sottoscrittori, il romanzo Dai cancelli d’acciaio (poi pubblicato in volume nel 2011).
Dal 2012 è presidente del Premio Napoli.


Titoli